Crea sito

Il Corso di Reiki Tradizionale Giapponese di Primo e Secondo livello A.I.RE e i Trattamenti Shiatsu e Reiki sono eseguiti da Giuseppe Sanzen con disponibilità da lunedì a sabato ore 9-21 (solo su appuntamento), anche a domicilio

Il trattamento Reiki Tradizionale Giapponese ridona armonia alla nostra struttura energetica inducendo un profondo rilassamento grazie al quale rilasciamo le tensioni psicofisiche, aumentando le nostre capacità di risposta alle avversità esterne a noi o che già in noi si sono cristallizzate. Adatto a tutti, anche a coloro a cui non piace il contatto fisico con un'altra persona, infatti in questi casi l'operatore può tenere le mani a qualche centimetro dal corpo.

reiki,respirzione,rilassamento,shiatsu,como,erba,cantu,giussano,monza,lecco

Cos'è il Reiki / Le origini / Reiki in A.I.RE. / Seminari / Codice Deontologico A.I.RE.

Il Reiki è una disciplina formata da tecniche e metodi per guarire le nostre disarmonie, per aiutarci nel nostro cammino evolutivo, per il conseguimento di quello stato interiore di pace e felicità che costituisce la nostra più intima Essenza.
Oggi come ieri, prendersi cura solamente del proprio corpo non basta a mantenere un soddisfacente stato di salute, che oltretutto può ancora migliorare.
Le terapie energetiche si prendono cura dell'individuo nella sua totalità di corpo, emotività e mente.
Così come l'igiene personale aiuta a prevenire le infezioni, così come lo spazzolino da denti aiuta a prevenire la carie, così come ingerire del cibo che sia “cibo” ci aiuta a non incorrere nelle spiacevoli conseguenze di una digestione laboriosa, anche lo Shiatsu e il Reiki possono aiutarci nel difficile compito di portare armonia dentro di noi, migliorando il funzionamento abituale del nostro organismo.
I nostri organi e visceri, da un punto di vista energetico, gestiscono sia gli aspetti fisiologici sia quelli psichici. Questo significa ad esempio che quando incorriamo in una determinata problematica relativa ad uno specifico organo insorgeranno anche problematiche specifiche sia in alcune aree del corpo sia in alcuni aspetti mentali ed emotivi gestiti da quell'organo in difficoltà; gli altri organi dovranno supportare allo svolgimento dei compiti non effettuati da quell'organo, e lo faranno in base alle loro capacità ed attitudini, ma anche in base al loro stato di salute. Nel caso in cui il periodo problematico dovesse protrarsi per un periodo di tempo abbastanza lungo le nuove dinamiche psicofisiche potrebbero essersi ormai cristallizzate, cioè anche se l'organo in questione dovesse riprendersi, non é detto che svolga nuovamente le funzioni per cui é preposto ma potrebbe lasciare la delega a quegli organi che lo hanno aiutato nel momento critico. Questo genera automaticamente uno stato confusionale a livello psicofisico dell'individuo.
Lo Shiatsu e il Reiki, agendo sulla nostra struttura energetica, aiutano a ripristinare uno stato armonico di funzionamento psicofisico riportando quell'equilibrio dentro ciò che noi siamo, un po' come riaccendere le funzioni sopite, in questo caso, dovute al mal funzionamento di uno specifico organo.

Riportare il nostro sistema energetico in uno stato più armonico significa riprenderci sia fisicamente sia mentalmente da quello stato di destabilizzazione in cui i traumi, subiti nel nostro quotidiano vivere, ci hanno indotto inibendo le nostre capacità rigenerative sia fisiche che mentali.

Non é necessario incorrere in svariate problematiche per rivolgersi alle terapie energetiche anche se a volte sono proprio le svariate problematiche che ci insegnano l'importanza di cose così utili. Non dimentichiamo che il dolore é un campanello d'allarme, il dolore é il dono della natura per farci comprendere che qualcosa nel nostro corpo é stato danneggiato e che dobbiamo prenderci cura di quella parte danneggiata; la paura é il dono della natura col quale meglio comprendiamo dell'essere di fronte a un pericolo. Abbiamo imparato che se mettiamo le mani sopra la brace ci ustioniamo, ma anche a tenerle alla giusta distanza per riscaldarci.

Riportare equilibrio e armonia dentro di noi significa semplicemente questo, ritrovare la giusta distanza fra noi e ciò che ci accade. In questo terapie energetiche come lo shiatsu e il reiki possono essere di notevole aiuto e supporto. Inoltre il compito di un operatore consiste nel riconnettere il ricevente a se stesso, cioè aiutare il ricevente a comprendere le dinamiche che lo hanno portato alle varie disarmonie energetiche che si sono poi trasformate nelle sue varie problematiche psicofisiche.

Le origini storiche
Dopo anni vissuti come ricercatore spirituale, nei quali ha sperimentato varie tecniche di meditazione e di guarigione naturale ed energetica, Mikao Usui decide di ritirarsi sul monte Kurama per una pratica di digiuno di 21 giorni, al termine dei quali raggiunge l’illuminazione.
Per condividere con gli altri esseri umani questa sua estatica esperienza, egli codifica un metodo che chiama Reiki, il cui scopo principale è l’Anshin Ritsumei: l’assoluta pace interiore o illuminazione.
Mediante trattamenti per la propria e altrui guarigione uniti inscindibilmente a tecniche di meditazione, di purificazione energetica e a una speciale etica di vita, questo metodo consente di portare nella nostra vita un relativo benessere, che può raggiungere vette più elevate in base alla costanza del praticante e alla purezza dei suoi intenti.

Il Reiki in A.I.RE
Le tecniche Reiki insegnate dalla nostra Associazione sono di quanto più vicino all'origine si possa trovare in Italia e probabilmente in occidente. Dal settembre 2006 abbiamo eliminato dai nostri corsi tutte quelle tecniche Reiki “aggiunte” in occidente in quanto non tradizionali.
I nostri seminari sono costituiti da una fusione armonica degli insegnamenti tradizionali ottenuti grazie agli incontri con il Maestro Rev. Hyakuten Inamoto e il Maestro Hiroshi Doi (membro della Usui Reiki Ryoho Gakkai).  

Seminari - Corsi Reiki Tradizionale Giapponese A.I.RE 
Corsi Primo livello (Shoden) e Secondo livello (Chuden)

Codice Deontologico Reiki - A.I.RE

Questo codice etico comportamentale è stato redatto per garantire alti standard morali da parte di tutti gli associati dell’Associazione Italiana Reiki, da tutti accettato e sottoscritto, ed è obbligo di tutti quanti tenerlo in bella vista sul posto dove operano con Reiki.

1) Divieto di fare diagnosi mediche (tranne che per gli operatori medici)

2) Non promettere guarigioni miracolose

3) Non abusare della buona fede e dell’ingenuità delle persone

4) L’operatore Reiki non deve utilizzare le sue conoscenze per plagiare le persone che si rivolgono al lui

5) Il Reiki non si deve sostituire la medicina ufficiale, qualsiasi processo di guarigione che avvenga a seguito di trattamenti Reiki andrà interpretato come un effetto collaterale

6) Non indicare mai alle persone di interrompere eventuali cure mediche in corso, ed invitare le stesse a recarsi dal medico

7) Tutti i membri dell’Associazione si devono adoperare per la diffusione corretta del metodo

8) Qualsiasi membro dell’Associazione venga a conoscenza di comportamenti non in linea con il regolamento della stessa, da parte di altri membri, si impegna a darne tempestiva segnalazione al consiglio direttivo.

9) Informare tutte le persone su che cos’è Reiki, come funziona e sulla possibilità dell’eventuale crisi di guarigione

10) Ricordarsi sempre che Reiki è principalmente una pratica spirituale e come tale gli obiettivi principe di ogni reikista sono: la Ricerca Interiore, la Verità, la Semplicità, l’Amore, la Pace, la correttezza etica, morale e civile.

Obbligo di esporre in bella vista oltre che il presente regolamento, anche il listino prezzi dell’associazione ed attenersi allo stesso.